I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Compatri, Fausto Bassani: "D'Acuti? Zero capacità amministrative, zero progetti, zero trasparenza"

bassani fausto7MONTE COMPATRI (politica) - Il leader dell'opposizione: "La guerra aperta tra il sindaco e De Carolis è nota a tutti. L'ex primo cittadino? Sta tramando per tornare al governo"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

primi si diventa

Un anno e mezzo di opposizione dopo aver tentato di conquistare la poltrona di sindaco. Fausto Bassani, leader della compagine di centrosinistra a guida Pd,  guarda a questi mesi con occhio critico

  1. Come valuta l’operato del Sindaco Fabio D’Acuti?

Fabio D’Acuti è stato eletto sindaco lo scorso anno, ma già da un decennio faceva parte della stessa compagine amministrativa come assessore e vice sindaco. Parliamo quindi dell’operato degli ultimi 11 anni che si presentano con un bilancio molto pesante: l'incapacità di affrontare le priorità e di prendersi cura dei bisogni delle persone, la mancanza di una progettualità strutturata per far fronte alle emergenze sociali, il degrado delle strade, l’abbandono in cui versa il centro storico, la viabilità selvaggia e senza regole, il caos che regna sulle principali arterie cittadine, l’abusivismo sempre più dilagante e impunito. Edifici che da decenni attendono interventi di ristrutturazione come lo storico Palazzo Altemps, ormai ridotto ad una specie di rudere coperto da impalcature "secolari". Per non parlare delle opere lasciate irrisolte con tutte le problematiche di sicurezza che esse comportano: muri pericolanti come quello di via Rosmini, di fronte alla scuola materna che da 6 anni attende di essere messo in sicurezza (e non si capisce cosa ne impedisca i lavori) creando molteplici disagi nella gestione del traffico.

Non tralasciamo poi l’arretratezza di certe pratiche amministrative: il non rispetto delle norme in tema di trasparenza, come si evince entrando nel sito comunale dove non è possibile reperire determine ed altri atti amministrativi che dovrebbero essere a disposizione di tutti. Un’amministrazione comunale che al buon governo antepone il costante scontro politico con i propri avversari, cercando di screditare e delegittimare un’opposizione che rappresenta oltre la metà dei cittadini: noi respingiamo con forza al mittente le accuse di essere il partito della denuncia, perché riteniamo che sia nostro compito vigilare e monitorare. Il rispetto della legalità è un valore assoluto dal quale nessuno può e deve prescindere. La partecipazione democratica poi è del tutto inesistente se consideriamo che siamo in presenza di un’Amministrazione che non convoca mai la conferenza dei capigruppo consiliari, evitando ogni democratico confronto con la minoranza. Si rasenta addirittura il grottesco (non mi viene altro termine) se si tiene conto che il presidente del consiglio è anche capogruppo di maggioranza! Dunque, concludendo la mia risposta, valuto totalmente fallimentare l’azione finora svolta, perché sottesa dagli interessi di pochi e drogata di clientelismo e bassa politica.

rugby club 2018 lungo ilmamilio

sfaccendati settembre ilmamilio

 

 

 

 

 

 

 

2. Tutte le amministrazioni cercano di affrontare le nuove sfide nell’ambito del welfare. Il comune di Monte Compatri come sta affrontando queste sfide?

Aldilà di tanti slogan e di interventi spot di puro assistenzialismo a ridosso delle campagne elettorali, non ci sono reali progetti di inclusione sociale. Perfino importanti iniziative messe in campo a livello nazionale come il REI sono state recepite in maniera pressoché insufficiente a causa di una mancata e necessaria divulgazione. Strano modo il loro di valutare le iniziative sociali. Esaltano senza il minimo senso della misura soluzioni apprezzabili ma a impatto limitatissimo (mensa a 2,50 € per i cittadini con ISEE sotto i 7.500 euro oppure scuolabus gratuito per quelli con ISEE sotto i 5.000 euro. Ma per tutti gli altri che sono la stragrande maggioranza? Salasso!) Per tutto il resto invece che non sono capaci di fare - ed è tantissimo - la colpa, come è abitudine sostenere da parte dei politicanti, è dello Stato. Chissà cosa si inventeranno ora che a governare c’è la loro parte politica!
Il servizio AEC, che deve garantire l'assistenza scolastica ad alunne ed alunni in stato di disabilità, è risultato inadeguato rispetto alle richieste pervenute, tanto che le famiglie hanno iniziato a denunciare l'ente comunale. Un centro diurno per persone con disabilità, che anziché rappresentare il fiore all'occhiello di una comunità che accoglie, è diventato il simbolo dell'incuria e dell'indifferenza di questa amministrazione. È stato infatti proprio il  partito democratico che ha denunciato il pessimo stato in cui versava la struttura di via Rosmini, dove persone con disabilità trascorrevano le loro giornate in un luogo malsano, determinando così l'obbligo di interventi urgenti di ristrutturazione cui l’amministrazione D’Acuti non ha potuto sottrarsi, benché ancora insufficienti a rendere più vivibile l’ambiente.

  1. quale sarà il futuro del Partito Democratico di Monte Compatri?

Il Pd di Monte Compatri è molto unito. Fa parte di una coalizione che si chiama Monte Compatri Bene Comune, con un progetto di governo completamente alternativo a questa amministrazione comunale. Fortemente rinnovato, con  tanti giovani negli organismi direttivi, guidato da un segretario competente, l’avvocato Alessandro Monti, animato da una forte passione per la politica e che sta operando già con ottimi risultati. La nostra squadra è infatti formata, oltre che da un’ intraprendente compagine consiliare, che svolge il proprio mandato con responsabilità, con proposte concrete ed il costante monitoraggio della cosa amministrativa, da un gruppo di ragazzi e ragazze, protagonisti delle nostre attività. Il PD di Monte Compatri svolge un ruolo molto costruttivo, alla ricerca di nuove sinergie che possano consolidare i rapporti tra centro storico, Laghetto-Pantano e Molara. Consapevole dell’importanza che il terzo settore e l’associazionismo svolgono all’interno della società, sta allargando il proprio progetto politico a tutti coloro che hanno in animo la crescita e lo sviluppo della nostra città e che non si riconoscono nella giunta D'Acuti.

 Bcc Castelli Romani Tuscolonatura architettura1
  1. L’amministrazione Comunale come dovrebbe essere più incisiva sull’indirizzo politico?

Non è un problema che ci poniamo: come già descritto sopra, l’attività di questa amministrazione è caratterizzata da una bassa politica, volta sempre e solo alla ricerca di un effimero consenso. Sarebbe auspicabile, invece, un serio e costruttivo confronto politico, affinché anche le nostre proposte vengano prese in considerazione per la crescita e lo sviluppo della nostra comunità. Assistiamo invece soltanto ad attacchi personali verso i consiglieri comunali di minoranza con uno spreco di energie che potrebbero essere utilizzate in maniera diversa.

  1. Si continua a sostenere che il vero Sindaco sia Marco De Carolis, è cosi?

La guerra acerrima tra il sindaco D'Acuti e l'ex sindaco De Carolis è nota ormai a tutti, e anche dall’esterno sono visibili le tensioni nell'ambito della maggioranza per l'accaparramento dei consiglieri. Sono risapute le battute al vetriolo che De Carolis rivolge al sindaco in una continua e scientifica azione di delegittimazione, così come è evidente il suo incontinente presenzialismo, a volte imbarazzante, in ogni occasione pubblica. Molti cittadini ormai sospettano (e molti lo dicono anche apertamente) che il suo obiettivo sia quello di andare a nuove elezioni per ricandidarsi come sindaco, non appena la legge lo consentirà (due anni, due mesi e un giorno) e così dismettere finalmente i panni di “sindaco emerito” che tanto gli vanno stretti, con buona pace del suo malcapitato delfino (che sarebbe il male minore) e purtroppo degli elettori di Monte Compatri.