I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

COMUNI

Italiani in rete: cresce la navigazione da mobile ma siamo ancora indietro rispetto all’Europa

cellulareFRASCATI (attualità) - Anche nel Bel Paese in costante crescita l'accesso dai dispositivi mobili

ilmamilio.it

Oggi più che mai internet è visto come una tecnologia indispensabile per restare aggiornati ed informarsi su tutto ciò che accade nel mondo. Insomma, la rete è lo strumento ideale per svolgere alcuni compiti in totale comfort da casa propria, dagli acquisti alla burocrazia, che sempre più spesso richiede l'accesso al web per sbrigare le varie pratiche.

Nonostante questo, l'Italia resta agli ultimi posti in Europa per utilizzo di Internet: per la precisione la penultima, come testimoniato dalla classifica pubblicata dal Rapporto Cotec. Se per quanto riguarda la copertura della rete web sono stati fatti diversi passi in avanti, grazie anche a nuove tecnologie di rete ed offerte come internet ricaricabile di Linkem, in Italia stenta ancora a partire una vera e propria trasformazione digitale, visto che il nostro paese si ferma al diciannovesimo posto su 28 paesi europei.

Gli italiani si collegano soprattutto da smartphone

Se da un lato in Italia Internet non viene ancora usato al livello di altre nazioni europee, dall’altro spicca un dato interessante: gli italiani si collegano alla rete da smartphone, e lo fanno sempre più spesso.

In tal caso la testimonianza ufficiale arriva dai dati di AdColony: secondo quanto emerso, il mobile di fatto ha il monopolio in termini di accessi digitali dalla Penisola. Si parla infatti di una percentuale di utenti che arriva fino all’89% di chi si collega alla rete.

Così, per la prima volta, il 2018 ha sancito il sorpasso del mobile ai danni della navigazione da desktop: gli utenti italiani che si collegano dal computer di casa, infatti, si “fermano” all’85%. In terza posizione il tablet, altro device mobile, con la sua percentuale del 40%. Infine, per quel che riguarda i dati anagrafici, la fascia d’età più attiva per connessioni alla rete da smartphone è quella dai 16 ai 24 anni (71%).

I video sono il contenuto preferito dagli utenti

I motivi che spingono gli italiani ad accedere alla rete sono naturalmente diversi caso per caso ma, stando ad una ricerca di Sandvine, molti utenti navigano su internet per vedere video e altri contenuti multimediali.

Il report Global Internet Phenomena 2018 ha fatto luce su questo fenomeno di portata internazionale: il 58% del traffico web è attualmente appannaggio dei video, un volume complessivo davvero elevato visto che la “comune” navigazione in rete occupa solo il 17% del traffico globale.

Un secondo trend che sta dimostrando una netta crescita è quello delle app e del gaming. Non sarà ancora al livello dei video, ma il gaming in multiplayer genera sul web una quantità enorme di dati, andando ad impattare in modo profondo sulle statistiche relative al traffico.

Anche se l’Italia non è ancora al livello di molte nazioni europee, la rete internet continua a crescere grazie in particolar modo alla navigazione da device mobile.

Monte Compatri, cimitero: avviso pubblico per l'assegnazione di aree

MONTE COMPATRI (attualità) - La comunicazione del Comune

ilmamilio.it

Pubblicato l’avviso per l’assegnazione in concessione di aree cimiteriali. Possono essere presentate domande per una area della superficie di circa 17,8 metri quadri del lotto cimiteriale n. 25/B settore B, per la costruzione di manufatti per sepoltura familiare o gentilizia (con ossario ipogeo o epigeo), ai sensi delle disposizione normative e regolamentari vigenti.

Hanno titolo ad ottenere l’assegnazione dei loculi e delle aree cimiteriali, i residenti nel Comune di Monte Compatri o coloro che sono nativi nel Comune di Monte Compatri.

L’importo minimo di offerta per la concessione è pari a 20.000 euro. Tutte le spese inerenti la concessione cimiteriale ed ogni altro onere dipendente e conseguente saranno a totale carico dell’aggiudicatario. La consegna del bene verrà effettuata ad avvenuta firma del suddetto atto di concessione.

 Il procedimento sarà tenuto con il metodo delle offerte segrete da confrontarsi con il prezzo base sopra indicato, e in particolare la concessione verrà disposta a favore del concorrente che avrà offerto l’importo maggiore per l’aggiudicazione della concessione, l’importo dovrà essere superiore o almeno pari a quello minimo fissato nel presente avviso.

 Il 50% dell’importo deve essere versato entro 10 (dieci) giorni dalla ricezione della comunicazione di aggiudicazione della concessione; il restante 50% prima della stipulazione del contratto di concessione.

umbriaesemble

Le domande per l’assegnazione in concessione delle aree cimiteriali dovranno essere fatte pervenire, entro e non oltre il 12 marzo 2019 tramite consegna a mano all’ufficio protocollo o spedizione postale al seguente indirizzo: -                Comune Monte Compatri - Ufficio Protocollo - Via Placido Martini n. 24 – 00077 Monte Compatri (RM).

 Per la presentazione delle domande gli interessati dovranno utilizzare l’apposito modulo in allegato disponibile, nonché scaricabile dal sito internet: www.comune.montecompatri.rm.gov.it. La domanda, redatta in lingua italiana, dovrà essere chiusa in un’apposita busta, controfirmata sui lembi di chiusura, con l’indicazione del mittente e la seguente dicitura “CONCESSIONE AREE CIMITERIALI”, all’interno della busta dovrà essere contenuta un’ulteriore busta contenete l’offerta economica (anche questa seconda busta chiusa dovrà essere controfirmata sui lembi di chiusura).

mercatino grottaferrata ilmamilio

 La concessione si intende fatta ed accettata fra le parti ed operativa alle condizioni e modalità e sotto le prescrizioni risultanti dalle leggi, dai relativi regolamenti comunali e dai decreti sulla sanità pubblica ora in vigore e che il concessionario dichiara di ben conoscere ed accettare, nonché di tutte quelle che potranno essere emanate in seguito sia dallo Stato sia dal Comune.

 La durata della concessione è fissata in 99 anni decorrenti dalla data di sottoscrizione dell’atto di concessione.