I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

COMUNI

Polizia Locale Roma, Assotutela denuncia inefficienze numero unico emergenza

ROMA (attualità) - La nota del movimento di Maritato

ilmamilio.it

Perché cosi tante inefficienze e così tanti disservizi per il numero unico delle emergenze della polizia locale di Roma Capitale?”.

Se lo chiede il presidente nazionale dell'associazione a tutela dei consumatori ,Assotutela, Michel Emi Maritato, che in una nota sottolinea: “Telefonando allo 0667691 i romani posso richiedere l'intervento dei vigili urbani. Purtroppo, tuttavia, ci sono giunte numerose segnalazioni cittadine che raccontano come spesso squilli a vuoto o bisogna rimanere diverso tempo in attesa, prima di essere ricevuti da un operatore.

Siamo di fronte a una ipotesi grave e preoccupante, per questa ragione ci rivolgiamo al Comune di Roma, guidato dal sindaco Virginia Raggi, e alla Polizia Locale di Roma Capitale: quali sarebbero le ragioni di questi disservizi e di questi disagi per gli utenti? Quanti operatori sono incaricati per il servizio? C'è la volontà amministrativa di incrementare il personale addetto? I romani attendono risposte immediate e certe”, conclude il presidente nazionale di Assotutela, Michel Emi Maritato.

Blitz carabinieri di Frascati e Tor Bella Monaca: controlli, perquisizioni e 13 arresti

ROMA (cronaca) - Nelle ultime 48 ore numerose operazioni
 
ilmamilio.it
 
Nelle ultime 48 ore, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati e della Stazione di Tor Bella Monaca hanno eseguito mirati blitz antidroga, con servizi di osservazione e pedinamento e perquisizioni domiciliari, nel quartiere di Tor Bella Monaca.  In manette sono finite 13 persone, accusate, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso delle perquisizioni, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato circa 1,5 di sostanze stupefacenti e 1.800 euro in contanti, ritenuti provento delle attività illecite. 

Seguendo i movimenti di alcuni cittadini stranieri all’interno delle piazze di spaccio del quartiere, i Carabinieri hanno localizzato l’abitazione, in via Maida, di cinque cittadini del Gambia, di età compresa tra i 19 e i 24 anni, trovando all’interno tre grossi sacchi contenenti diverse buste di marijuana, per un peso complessivo di 1,370 kg. Tutti e cinque sono stati arrestati e portati in caserma.

Un’altra perquisizione è stata eseguita, in via dell’Archeologia, presso l’abitazione di un 46enne romano, già agli arresti domiciliari per precedenti reati dove i Carabinieri, notato un eccessivo nervosismo del detenuto hanno deciso di approfondire il controllo in casa. L’uomo che nella camera da letto nascondeva 40 dosi di eroina e diverse centinaia di euro, è stato arrestato e portato in caserma, in attesa del rito direttissimo.

In largo Ferruccio Mengaroni, invece, i Carabinieri hanno sorpreso due pusher, un 44enne di Cuba e un 34enne di Roma, entrambi già noti alle forze dell’ordine, mentre cedevano dosi di cocaina ad alcuni giovani. Fermati e controllati, nelle loro tasche, i militari hanno trovato 22 dosi di cocaina. Entrambi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Transitando in via dell’Archeologia, i Carabinieri hanno notato uno scambio sospetto tra due giovani e sono intervenuti, accertando che uno dei due, 42enne del Marocco, che è stato arrestato, aveva appena ceduto all’acquirente alcune dosi di cocaina. Nascoste in una tasca interna del giubbotto, i Carabinieri hanno rinvenuto altre 12 dosi della stessa sostanza.

Infine, sempre in via dell’Archeologia, i Carabinieri hanno arrestato tre cittadini romani, di 50, 40 e 24 anni, e uno originario della provincia di Venezia, di 25 anni, tutti già noti per trascorsi negli ambienti della droga. Fermati per un controllo sono stati trovati in possesso di 70 dosi di cocaina e oltre 800 euro in contanti. Ora si trovano agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.