Genzano: le operatrici sociali protestano sotto il Comune. "Senza stipendio da 2 mesi"

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

GENZANO (cronaca) - Le dipendenti della Cooperativa Colonna impiegate nei servizi d'assistenza scolastica e domiciliare

ilmamilio.it

Quando il sociale è solo un slogan elettorale.

Protestano da questa mattina le circa 40 lavoratrici nei servizi d'assistenza scolastica e domiciliare comunali della Cooperativa Colonna che da 2 mesi non ricevono il proprio stipendio a causa del mancato pagamento del servizio da parte del Comune. Per qualche mese la cooperativa stessa ha provveduto, nelle more di ricevere quanto dovuto dall'Ente genzanese, a pagare gli stipendi a "sbalzo" ma oltre un certo limite non ha potuto procedere oltre. Il Comune di Genzano, a quanto si apprende, deve versare nelle casse della Cooperativa circa 300mila euro, pari a circa 6 mesi di servizio.

Informalmente il Comune si sarebbe detto disposto a coprire a breve circa 60mila euro, cifra decisamente insufficiente.

Queste operatrici lavorano nelle scuole comunali, in assistenza ai ragazzi con disabilità ed effettuano anche servizio domiciliare alle persone in difficoltà.

"Nonostante non vediamo lo stipendio da 2 mesi, abbiamo continuato e continuiamo a svolgere con responsabilità il nostro importantissimo servizio", dicono le operatrici che ora attendono di poter parlare col sindaco Daniele Lorenzon.

LEGGI l'esito della manifestazione

 

Il comunicato stampa della FP Cgil di ieri

Domani mattina dalle ore 8 alle ore 11 si svolgerà sotto il Comune di Genzano un'assemblea presidio dei lavoratori impiegati nei servizi d'assistenza scolastica e domiciliare comunali.

Ad oggi nonostante le segnalazioni e le richieste fatte al Comune e alla Cooperativa non ci sono state ancora date notizie certe sugli stipendi dei lavoratori che sono fermi ormai da due mesi.

Come Organizzazioni Sindacali riteniamo opportuno chiarire alcuni fatti anche in seguito al Comunicato che abbiamo letto ieri, non senza un certo stupore, sul sito del Comune di Genzano.

Il 20 aprile ci è stato comunicato dalla Cooperativa Progetto Colonna che non avrebbero pagato gli stipendi del personale impiegato nel Comune di Genzano a causa del grave ritardo del pagamento delle fatture da parte dell’Amministrazione.

Nella ore successive abbiamo inviato una richiesta di incontro al Sindaco e all'Assessore per segnalare il problema e provare a trovare una soluzione.

Il Comune ha risposto alle Organizzazioni Sindacali proponendo un incontro il 19 maggio, addirittura 30 giorni dopo la richiesta! Questo solo perché nel frattempo c'è stato un sollecito effettuato dai lavoratori stessi che nel frattempo stavano (e a tutt'oggi stanno) maturando il secondo mese di mancata erogazione dello stipendio.

L'incontro si è svolto martedì 16 maggio con ben 3 giorni d'anticipo sulla data stabilita, con la partecipazione dell'Amministrazione Comunale nelle persone, fra gli altri, del Sindaco e dell'Assessore ai Servizi Sociali, dei Sindacati e della Cooperativa.

L'amministrazione ha comunicato che non era in grado di saldare quanto richiesto dalla Cooperativa per le fatture scadute. Il Comune ha proposto di saldare entro il 31/5 le sole fatture dei mesi lavorati di ottobre e novembre 2016 del servizio di assistenza scolastica, fatture che ci preme sottolineare dovevano essere già saldate da 5/6 mesi secondo la normativa vigente in materia.

La Cooperativa ha comunicato che, visti gli importi, questa cifra non sarebbe stata sufficiente a pagare gli stipendi.

Come Organizzazioni Sindacali speravamo di avere una risposta certa che portasse ad una immediata soluzione e al pagamento dei lavoratori.

Nonostante le rassicurazioni da parte del Comune e certi della buona fede degli Amministratori Comunali che si sono impegnati a trovare una soluzione al più presto, non possiamo interrompere la mobilitazione dei lavoratori e la stessa potrà concludersi solo quando arriveranno gli stipendi. 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna