Dio ci scampi dalla neve ai Castelli romani. Ma da domenica è allerta

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

FRASCATI (attualità) - Il comprensorio è stato messo già in ginocchio da un freddo intenso ma non davvero eccezionale. I fiocchi arriveranno comunque nei prossimi giorni

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Sono bastati 5 giorni di freddo intenso, con temperature al di sotto delle medie stagionali (ma non clamorosamente) per mettere in ginocchio i Castelli romani.

Complice anche la coincidenza con la fine delle vacanze natalizie, le scuole alle prese con problemi agli impianti di riscaldamento sono state decine: da Frascati ad Ariccia, da Albano Laziale a Marino, Monte Porzio Catone, Rocca di Papa, Colonna.

L'emergenza più grave, caldaie a parte, è stata quella idrica. Ed è un'emergenza seria che in inverno mai si era verificata con tale gravità e tale diffusione. Un'emergenza tipicamente estiva legata alla siccità che però in questi casi a messo completamente a nudo la fragilità della rete idrica dei Castelli romani e l'inadeguatezza di Acea Ato2 nell'affrontare un'emergenza diffusa. Figlia sì del gelo un po' straordinario (ma l'inverno è inverno, e se l'anno scorso la colonnina non era mai andata sotto zero fu solo un caso) ma anche e soprattutto di un impianto idrico comprensoriale inadeguato, vetusto, letteralmente a pezzi.

In ginocchio sono rimasti in particolare in questi giorni Rocca di Papa (dove sono anche arrivate le autobotti) e Monte Porzio Catone dove è vera e propria emergenza. Migliaia i cittadini senza acqua nelle proprie case ancora oggi (LEGGI Monte Porzio, LEGGI Rocca di Papa).

Per i prossimi giorni le previsioni dicono neve. Nei vari siti di meteo è tornata di "moda" la nevicata per domenica e lunedì, come annunciato già nei giorni scorsi (LEGGI l'articolo): il maltempo, come riportato nell'immagine qui sotto ripresa da un portale meteo per la città di Rocca di Papa, durerà qualche giorno.

E' insomma il caso di iniaziarsi a preparare al "peggio".

L'arrivo della neve sembra destinato già da oggi, anche ovviamente nella Capitale, a creare innumerevoli disagi non solo legati alla viabilità, aspetto per il quale probabilmente dopo le nevicate del 2012 il territorio si farà trovare più pronto, ma soprattutto sul fronte dei servizi primari. Stavolta potrebbe non bastare neanche l'Esercito, arrivato nel 2012 a Rocca Priora.

In una parola: Dio scampi i Castelli romani (e Roma...) dalla neve.

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna