Ricerca nell'archivio:

Rocca Priora e la raccolta differenziata che stenta a decollare

25-07-2014

ROCCA PRIORA - A distanza di un mese dall'attivitazione del servizio la distribuzione dei kit non è  ancora stata completata, mentre la raccolta dei rifiuti non è sempre puntuale.

Durante l’ultima campagna elettorale è stato uno dei cavalli di battaglia della lista Viva Rocca Priora l’avvio della raccolta differenziata, ma a distanza di un mese dal via, il servizio stenta a decollare. Oltre all’inesperienza dei cittadini che fanno fatica a capire come e quando conferire i rifiuti, a far arrancare il porta a porta sarebbero alcune inefficienze del servizio stesso.
I malumori sono cominciati già il 30 giugno, quando la distribuzione del kit è avvenuta qualche giorno dopo il ritiro dei cassonetti dalle strade municipali spiazzando anche i residenti aperti ai cambiamenti e si è radicato nelle settimane seguenti quando i cittadini, nonostante le diverse segnalazioni, sono rimasti sprovvisti dei contenitori della carta, metallo e plastica. C’è chi ancora oggi, 25 luglio, possiede solo il raccoglitore dell’umido e chi ha tagliato la testa al toro ed ha acquistato a sue spese il kit della differenziata, impegnandosi in tutti i modi per non prendere le distanze dalla novità.
Vero è che non tutta la cittadinanza è ligia al dovere e periodicamente capita di vedere uno scorretto conferimento dei rifiuti, ma qualcuno lo segnala? Se si, in che modo? Perché sulle buste che non vengono ritirate e quindi lasciate sotto il sole, la pioggia e a disposizione dei cani randagi per oltre 24 ore nelle strade principali del paese non è comparsa quasi mai vista la scritta “rifiuto non conforme”, espressione che viene usata per segnalare ai residenti che si è sbagliato qualcosa. Ma soprattuto si è spiegato ai cittadini che dopo il periodo di rodaggio chi conferirà male verrà sanzionato? Forse si, forse no, certo è che sarà difficile capire chi ha rispettato le regole, da chi no, se al posto dei raccoglitori - che non tutti hanno - e su cui andrebbe scritto il cognome dell’assegnatario continueranno ad esserci le buste anonime. Fatto sta che a metterci il carico da undici - come sempre - è l’inciviltà di chi, non curante del senso civico, butta tutto ciò che ha tra le mani nei contenitori o al fianco dei sacchetti di chi i rifiuti li ha conferiti in maniera corretta.
Tuttavia i problemi non finiscono qui perché a contribuire all’inefficienza del servizio, a quanto si dice, sia la raccolta stessa. Diverse, in effetti, sarebbero le segnalazioni giunte all’amministrazione comunale da parte dei cittadini che avrebbero denunciato il mancato ritiro dei rifiuti conferiti a norma. Pare che qualcuno, non ne abbia potuto più di ritrovarsi il sacchetto fuori casa e abbia così deciso di portarlo direttamente a palazzo Savelli. Insomma, il lancio del servizio è stato un trionfo, l’avvio un po’ meno. C’è ancora tempo per migliorare. Almeno, si spera. 



Il Mamilio || Proprietario ed Editore: Associazione Territorio || Direttore Responsabile: Marco Caroni || Redazione: Via Enrico Fermi 15, 00044 - Frascati (Rm) - tel. 331.91 88 520 Quotidiano Telematico di informazione www.ilmamilio.it || Non si riconosce alcun compenso o attestazione per articoli e foto pubblicate anche se firmate, salvo differenti accordi scritti particolari Registrato al Tribunale di Velletri n. 14/10 del 21/09/2010 - Copyright © 2019