Simone Cristicchi per il suo video sceglie il cimitero di Marino

Valutazione attuale:  / 0

MARINO - Il cantautore romano di adozione castellana nel suo ultimo pezzo (11° a Sanremo) parla di morte ma soprattutto di vita

Una passeggiata al cimitero, con tanto di orchestrina al seguito, col vestito "del matrimonio". Simone Cristicchi, cittadino di Castel Gandolfo da qualche anno, ha scelto proprio il camposanto di Marino (ben riconoscibile nel portale d'ingresso ma anche nei viali) per girare - praticamente per intero - il video che accompagna il suo ultimo singolo, "La prima volta (che sono morto)", canzone con la quale il cantautore romano ha chiuso all'11° posto al Festival di Sanremo 2013.

Guarda il video

Un motivetto orecchiabile che dietro l'apparente semplicità di arrangiamento e melodia nasconde un testo tutt'altro che banale. Diretto il messaggio: la vita va goduta fino in fondo perché il momento della dipartita arriva quanto meno te l'aspetti ed in genere prima del previsto.

Ecco insomma la passeggiata autunnale tra lapidi e tombe castellane dove si sottolinea ben bene che dopo la morte non c'è né paradiso né inferno. "Sembra più una scuola serale - canta Cristicchi - tipo un corso di aggiornamento dove si impara ad amare al vita in ogni singolo momento". E ancora: "Quante cose avrei voluto fare che non ho fatto, parlare di più con mio figlio, girare il mondo con mia moglie lasciare quel posto alla Regione e vivere finalmente su un’isola… E vabbè sarà per la prossima volta!".

Passeggiando col vestito buono lungo i tranquilli viali del cimitero di Marino, insomma, Cristicchi (tutt'altro che nuovo a produzioni impegnate) ha trovato un modo irriverente ma tutt'altro che fastidioso per rilanciare un messaggio universale che vale sempre. La vita è una sola e va vissuta pienamente fino in fondo.

Guarda il video

Fotogramma tratto dal video


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna