I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Registra il nostro contatto +39 3319188520 e inviaci le tue segnalazioni e foto su whatsapp
::: ... :::
 

Comune Ciampino, l'Usb denuncia possibili scorrettezze per l’individuazione delle indennità per le Posizioni Organizzative

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

CIAMPINO (attualità) - Una nota da parte del sindacato

ilmamilio.it - comunicato stampa

Dall'Rsu dell'Usb-pubblico impiego, Silvio Sinibaldi, riceviamo e pubblichiamo.

"Nelle trattative per il rinnovo dei contratti decentrati, le indennità per le P.O. sono sempre state il primo interesse dell’amministrazione comunale. Per anni questa necessità è stata così impellente da essere anteposta sempre e comunque a ogni richiesta dei lavoratori, che hanno dovuto invece subire pesanti torti e privazioni. E’ così’ anche quest’anno. Con la delibera n. 53/2017 la giunta comunale ha di nuovo confermato e prorogato i posti delle P.O. attuali (due nel settore tecnico e una amministrativa); ha variato lievemente i compensi, che in totale ora ammontano a circa 23.000 euro; infine ha integrato le incombenze della P.O. amministrativa in un modo che però appare improprio e non corretto. La determinazione 254/2017 del dirigente del I settore ha poi indetto i bandi per il conferimento delle P.O. nel settore tecnico.

Tutti sappiamo già come andrà a finire e tutti già conosciamo addirittura i nomi dei tre prescelti. I bandi di concorso infatti non hanno alcuna trasparenza e ammettono una discrezionalità eccessiva per le valutazioni, che la dirigenza non basa affatto su una griglia di documentati titoli, competenze e capacità, ma sull’affinità politica e la riverenza dei concorrenti, come è sempre accaduto finora.

Quindi queste decisioni ignorano completamente le istanze dei lavoratori e impediscono di fatto una equa distribuzione delle risorse anche per il fondo 2017, come è già avvenuto per i precedenti contratti decentrati. Infatti non sarà possibile garantire una copertura finanziaria adeguata né per le PEO, né per gli incarichi di responsabilità, né per la produttività collettiva, né per ogni altra indennità riconosciuta. Rimangono invece garantite solo prebende e privilegi per pochi a danno di tutti gli altri.

Chiediamo che l’amministrazione comunala anteponga le richieste dei lavoratori alle nomine delle P.O. rendendo equa la distribuzione del salario accessorio. Chiediamo che le risorse delle P.O. siano tutte destinate a finanziare le PEO e le indennità di responsabilità (ricordiamo che le P.O sono solo 3 e che negli ultimi cinque anni i loro compensi hanno raggiunto complessivamente circa 200.000 euro, mentre i compensi di responsabilità per circa 30 operatori di categoria D sono rimasti fermi a ZERO; anche le risorse destinate agli avanzamenti sono state minime, 27.500 euro per una platea di 90 progredibili, circa 80 volte inferiore rispetto ai compensi assegnati alle P.O.).

Chiediamo che tutta la parte sindacale si impegni in questa battaglia ponendosi a fianco dei lavoratori per tutelare i loro diritti e non per reprimerli. Chiediamo che il Sindaco voglia dimostrare di buon grado la sua sensibilità per ristabilire la correttezza delle regole e del diritto, stando dalla parte giusta, dalla parte dei lavoratori".

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna