Ricerca nell'archivio:

"Generazione Proteo": due ragazzi su dieci scelgono solo relazioni virtuali

12-05-2017

ROMA - A quasi due ragazzi su dieci (17,2%) è capitato nella vita di essersi chiuso volontariamente in casa e di comunicare solo attraverso la tastiera del computer. Questo uno dei dati più importanti che emergono dal 5° Rapporto di Ricerca dell’Osservatorio “Generazione Proteo” realizzato dalla Link Campus University è presentata questa mattina nella sede romana dell'ateneo.

Nonostante queste forme di isolamento spontaneo, la gran parte dei ragazzi è consapevole dei rischi delle relazioni virtuali: il 33,9% degli intervistati sa bene infatti che i social possono creare dipendenza e il 29,1% è cosciente che, isolandosi in Rete, ci si disabitua alla vita di tutti i giorni. "Questa - spiega il professor Nicola Ferrigni, direttore dell'Osservatorio Generazione Proteo - è una generazione costretta a vivere in una realtà sempre più fondata sull’intangibilità. Per questo, i nostri ragazzi cercano sotto varie forme segni concreti che siano capaci di ancorarli in una dimensione vera.

Una di queste forme è di certo rappresentata dai selfie. Ma non selfie qualunque: il 53,1% degli intervistati se ne concede uno solo se è accanto alla persona del cuore. Non manca tuttavia lo scatto estremo, come asserisce il 10,9% di chi si 'selfa' in situazioni estremamente pericolose o il 17,9% che lo fa in motorino”.



Il Mamilio || Proprietario ed Editore: Associazione Territorio || Direttore Responsabile: Marco Caroni || Redazione: Via Enrico Fermi 15, 00044 - Frascati (Rm) - tel. 331.91 88 520 Quotidiano Telematico di informazione www.ilmamilio.it || Non si riconosce alcun compenso o attestazione per articoli e foto pubblicate anche se firmate, salvo differenti accordi scritti particolari Registrato al Tribunale di Velletri n. 14/10 del 21/09/2010 - Copyright © 2019