"Generazione Proteo": due ragazzi su dieci scelgono solo relazioni virtuali

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ROMA - A quasi due ragazzi su dieci (17,2%) è capitato nella vita di essersi chiuso volontariamente in casa e di comunicare solo attraverso la tastiera del computer. Questo uno dei dati più importanti che emergono dal 5° Rapporto di Ricerca dell’Osservatorio “Generazione Proteo” realizzato dalla Link Campus University è presentata questa mattina nella sede romana dell'ateneo.

Nonostante queste forme di isolamento spontaneo, la gran parte dei ragazzi è consapevole dei rischi delle relazioni virtuali: il 33,9% degli intervistati sa bene infatti che i social possono creare dipendenza e il 29,1% è cosciente che, isolandosi in Rete, ci si disabitua alla vita di tutti i giorni. "Questa - spiega il professor Nicola Ferrigni, direttore dell'Osservatorio Generazione Proteo - è una generazione costretta a vivere in una realtà sempre più fondata sull’intangibilità. Per questo, i nostri ragazzi cercano sotto varie forme segni concreti che siano capaci di ancorarli in una dimensione vera.

Una di queste forme è di certo rappresentata dai selfie. Ma non selfie qualunque: il 53,1% degli intervistati se ne concede uno solo se è accanto alla persona del cuore. Non manca tuttavia lo scatto estremo, come asserisce il 10,9% di chi si 'selfa' in situazioni estremamente pericolose o il 17,9% che lo fa in motorino”.

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna